Pubblicato da: gennarogrieco | marzo 5, 2008

Premio AlberoAndronico: video dell’Adnkronos

Guarda il VIDEO ADNKRONOS

albandr2f.jpgC’è un video dell’agenzia giornalistica Adnkronos, di poco più di un minuto, sulla cerimonia di premiazione del Premio AlberoAndronico dello scorso 8 febbraio 2008 in Campidoglio, a Roma.
L’autrice del servizio fornisce alcuni dati relativi alla manifestazione, supportata in voce da Pino Acquafredda, presidente dell’associazione promotrice del premio. In voce, anche una bambina e un signore in là con gli anni, con ogni probabilità i concorrenti più giovane (sette anni, se ben ricordo) e più anziano, premiati per questo con una targa ricordo. E in mezzo ci sono io, vincitore della Sez. A.
La gentile signora che mi premia è – l’ho saputo successivamente – la principessa Patrizia Torlonia. Nientedimeno! Discendente di una delle famiglie più in vista, per ricchezza e sfarzo divenuti quasi proverbiali, della recente storia d’Italia, soprattutto romana, soprattutto nell’Otto-Novecento. Tanto per dire, Crapapelata in camicia nera (e non di forza, come occorreva) nel Ventennio piantò le tende per tutto il tempo proprio in una delle dimore dei Torlonia. Per qualche anno, dopo di Lui, anche i suoi degni compari mangiapatate e sterminatori della Foresta Nera (nera pure quella…). E, se non prendo un colossale abbaglio, la dott.ssa Patrizia dovrebbe essere anche l’unica discendente del Beato Pio IX Papa, passato tra l’altro alla storia per il più lungo pontificato, ben 32 anni. Santo cielo!, è proprio il caso di dire. È come se, in qualche modo, avessi toccato un santo. E pensare che io a Roma – a dispetto della marea di persone, vecchi e piccini, come testimonia il video, a dispetto del popolo dei diplomini che lì, nella Città Eterna, si è precipitato – non ci volevo nemmeno andare…

albandr2r.jpgComunque – recuperando un tono più consono, spero – la principessa è persona squisita. Lo dico non tanto per i pochi istanti (che pur a volte bastano) vissuti di fianco nel corso della premiazione; non tanto perché, come membro della giuria, ha in prima persona contribuito alla mia affermazione e mi ha personalmente testimoniato il suo apprezzamento; non tanto perché mi ha confortato mentre fumavo dal naso e facevo le smorfie ascoltando imbufalito la lettura del mio testo che veniva dalla bocca di un improbabile fine dicitore. No, lo dico soprattutto per un’altra ragione. Ma ci pensate? Ma metti che possa disporre, che so, di un milionesimo appena di quanto i suoi avi hanno accumulato… Insomma, una persona così se ne potrebbe stare tranquillamente spaparanzata su ben altri lidi, con ben altre occupazioni. E invece, no! Ama la poesia. Chapeau!
In quest’epoca triste, tristissima… In questo insano mondo di ingordi lepidotteri, di forsennati arraffoni, di patetici fanatici della rrobba (e di presunti editori che dicono che non è più tempo di poesia: coglionazzi che non sono altro, grandissimi, incommensurabili coglionazzi, è questo, è proprio questo il tempo, invece)…

Ah, dimenticavo. Per quanto mi riguarda ho già dato, ovviamente, ma per quanti fossero interessati alla II edizione del Premio, in scadenza al 30 giugno 2008, non hanno che da cliccare sulle due immagini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie