Pubblicato da: gennarogrieco | febbraio 25, 2008

Atti I Fiera dell’Editoria di Poesia

 atti1afieredit.jpgMentre fervono i preparativi per la II edizione (e questa volta sarà, opportunamente, una due-giorni), sono stati diffusi nelle scorse settimane gli Atti della I Fiera dell’Editoria di Poesia di Pozzolo Formigaro (AL) del 23 giugno 2007. Si tratta di un volume di 88 pp. a cura di Cristina Daglio e Mauro Ferrari per i tipi di FORMAT, la nuova collana dell’Associazione letteraria “La clessidra” inaugurata per l’occasione.
Questi sono i nomi legati all’evento, presenti (nella gran parte dei casi) nella pubblicazione con testi poetici e/o sunti degli interventi nelle varie sessioni di dibattito: Sebastiano Aglieco, Amedeo Anelli, Luca Ariano, Corrado Bagnoli, Eleonora Bellini, Roberto Bertoldo, Alberto Bertoni, Roberto Bertoni, Michelangelo Camilliti, Luigi Cannillo, Maddalena Capalbi, Dario Capello, Alberto Cappi, Gian Piero Casagrande, Alessandro Catà, Gianfranco Contorbia, Tina Cosmai, Fabrizio Dall’Aglio, Mariolina De Angelis, Milo De Angelis, Fabio De Santis, Luciano Del Giudice, Maria Grazia Di Corso, Luciano Erba, Flavio Ermini, Gabriela Fantato, Renzo Favaron, Mauro Ferrari, Davide Ferreri, Fabio Franzin, Lucetta Frisa, Gennaro Grieco, Sandro Gros-Pietro, Stefano Guglielmin, Gianfranco Lauretano, Gianmario Lucini, Giorgio Luzzi, Enrico Marià, Beppe Mariano, Carlo Molinaro, Massimo Morasso, Alberto Mori, Mauro Mori, Guido Oldani, Alessandra Paganardi, Rinangelo Paglieri, Elio Pecora, Luisa Pianzola, Max Ponte, Giancarlo Pontiggia, Claudio Recalcati, Alfredo Rienzi, Alessandro Rivali, Franco Romanò, Andrea Rompianesi, Roberto Rossi Precerutti, Tiziano Salari, Lina Salvi, Massimo Sannelli, Massimo Scrignoli, Carlo Alberto Sitta, Emanuele Spano, Elio Talon, Ranieri Teti, Adam Vaccaro, Flavio Vacchetta, Paolo Valesio, Stefano Vitale.
Piuttosto che il mio (peraltro qui già presentato, persino in video), riporto dal volume i testi di due poeti che stimo: Stefano Guglielmin e Alfredo Rienzi.

Stefano Guglielmin

*

si dà il lampo, infatti
nella brocca in cui cresci, e festa
dissemina il tempo per gli amici sul prato

sotto chiave è l’avvio:
buona la pace di chi siede e l’ombra
di atene in ogni cosa

ecco mettiti qui, a lato del libro, e scendi
se puoi, là dove s’increspa la gioia

si dice amato chi ne tiene a balia la piega

(Da La distanza immedicata, Le Voci della Luna Poesia, Sasso Marconi, 2006)

Alfredo Rienzi

*

Sono cresciuti arbusti d’ogni tipo
ed alberi dal fusto dirompente
– platani, frassini e folte robinie
nella vecchia caserma di corso Brunelleschi
dovunque, nei cortili,
nelle ampie camerate senza più muri e tetto,
giungle maya dei nostri quartieri.

Forse questo ti potrà consolare:
non c’è limite a quanto può esser cancellato.

(Da Custodi ed invasori, Mimesis-Hebenon, Milano, 2005)

Annunci

Responses

  1. grazie Gennaro. Hai scelto una poesia a cui tengo molto.

  2. Di nulla, Stefano. Grazie a te.
    gennaro


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie