Pubblicato da: gennarogrieco | giugno 13, 2007

Dialettale con cappello

Ed eccomi di nuovo a voi. Un caro saluto a quanti di qua sono passati anche in mia assenza. In particolare a Miky, sempre presente e sempre molto gentile con i suoi commenti.
Che dite, ricominciamo con una dialettale? Ma sì, ne ho giusto una che altrimenti mi scade, mi va fuori d’attualità (viste le novità delle ultime settimane). Ma la poesia non deve mischiarsi con il dato contingente!, mi obietterebbe – inorridito – qualcuno, uno dei tanti sempliciotti convinti che dopo circa tremila anni di letteratura ci si possa ancora inventare messaggi cosiddetti universali. Ma va là!, gli risponderei.
 

Stu telèfene ca iè nu rumbamiénde…
 

Stu telèfene ca iè nu rumbamiénde…
pòvere uagliune ca pe dduje sòlete
s’areddùcene cumm’a schiave pure
la remèneche. Aìre ra lu Vènete
e ósce ra la Secilie (e cràie forse
adda èsse ra la Puglie o la Papuasije)
: re mànnene pe miézze munne, chiuse
ndo nu stanzóne a cemendà i crestiane.
Ma lu prengepale iè a Milane, iè quéra
fuìne (o vorpe re h*omme) ca prime
s’ave spusate la figlie re lu
patróne e pò nge ave rate lu ggire…
Lu prengepale… Mò lu pile se
lu face cunzelà ra n’abissine,
chelóre lìvite cumm’a n’aulìve
e coscia longhe – e  i riénde ca sbrellàcchene
a céra pèrse a re telèvisiune.
Ma se stacèsse bèlle attiénde, stu
filabbustiére, a nen la fa pò tande
pesande che sti telèfene: a vvóte
a stu munne ng’è chi vére e pruvvére
(e une póte pure fenì ngalére).
 

Questo telefono che è una rottura…
 

Questo telefono che è una rottura…
poveri ragazzi che per due soldi
si riducono come schiavi pure
la domenica. Ieri dal Veneto
e oggi dalla Sicilia (e domani forse
sarà dalla Puglia o dalla Papuasia)
: li mandano per mezzo mondo, chiusi
in uno stanzone a importunare le persone.
Ma il principale è a Milano, è quella
faina (o volpe di gomma) che prima
si è sposato con la figlia del
padrone e poi le ha dato il benservito…
Il principale… Adesso il pelo se
lo fa consolare da un’abissina,
colore livido come un’oliva
e coscia lunga – e i denti che risplendono
a cera persa alle televisioni.
Ma che stia bell’attento, questo
filibustiere, a non farla poi tanto
pesante con questi telefoni: a volte
a questo mondo c’è chi vede e provvede
(e uno può pure finire in galera).
 

Avvertenza: la vocale “e”, se non è accentata, è sempre muta, ad eccezione di quando funge da congiunzione; “h*” è consonante occlusiva sonora e tra due vocali o all’inizio di parola si pronuncia in modo aspirato. 

Annunci

Responses

  1. Grazie del passaggio in viadellebelledonne G. mi hai colta di gran sorpresa. Una gradita e piacevole sorpresa.
    La poesia che hai postato è molto interesante per la contaminazione del dialetto con la tematica attuale delle “comunicazioni”. Bella.
    Un caro saluto
    mapi

  2. Ciao, Mapi. Nel fine settimana spero proprio di mettere mano a quella cosa in sospeso (e scusami scusami scusami).
    A presto,
    gennaro


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie