Pubblicato da: gennarogrieco | marzo 15, 2007

RIVUS NIGER – parte prima

Rivus Niger – I

web-coprivnig.jpg

Quando d’Inverno dai picchi imbiancati
dell’avvoltoio¹ adagiato in stanchezza
dei millenni il riverbero veniva
nel chiuso delle incatenate² stanze
vedevo mia madre ancora più bella
nel tragitto dei vetri che di lena
sua giovane specchiavano movenze;
vedevo i padri antichi, Rivus Niger,
in quell’acromia acuta della luce
che di tua e mia storia taglia i cammini
e smuove emozione della scoperta;
vedevo gli archi sulla testa ritta
di uomini sui cavalli che pregnavano
coi petti rigonfi della fatica
profumi di gerani sui balconi;
sentivo le campane che scandivano
il tempo, mentre sfumava, sui colpi
a salve d’inutili guerre, il padre
di mio padre in vena di raccontare.

A ondate, come di danze viennesi,
la vòria³ aggirava i fianchi scolpiti
della montagna che si erse isolata
all’ancóra pretesa sul mistero,
s’irretiva declinando fra i vicoli
di ombre irregolari alla prospettiva,
smagliava la residua forza in scivolo
fra la strenua saldezza a propria terra
di ulivi muschiati di verde in abito
di prossimo Natale contadino
: borea boriosa, persa in lamento
che unico spezzava quiete del sogno
– da sciocca filosofia frainteso –
che è sola dimensione del reale,
e a cui si accorda il gesto contingente
che di noi spinge la ruota del tempo!

1. Riferito al Monte Vúlture, vulcano spento nel Nord della Basilicata [dal latino vulture(m), col significato di avvoltoio]; 2. L’uso di spesse catene per stabilizzare i fabbricati nelle zone sismiche è un’antica tecnica di cui ancora evidentissime restano testimonianze; 3. Precisamente: vòrijë, forma dialettale di bòrea, vento di settentrione, tramontana.

Sempre dal volume VULTUR – Se di un luogo antico la luce cantassimo, ecco la prima parte del breve poemetto Rivus Niger. Scandito nei classici quattro tempi delle stagioni, verrà qui riproposto, nelle sue parti, con la stessa cadenza. Il poemetto è stato pubblicato per la prima volta, in volumetto autonomo dono della rivista Keraunia, nell’ottobre 1994, ed è da ultimo raccolto nel volume complessivo Apprendimento di cose utili, di imminente uscita.

Per l’occasione, si noterà, è stata cambiata l’immagine della testata del blog (per raccordare il tutto). E così sarà anche per la pubblicazione delle altre tre parti (la seconda è ormai prossima). La foto, di Albino Grieco, che ne detiene tutti i diritti, ritrae il massiccio del Monte Vulture in abito invernale: sulla destra, in basso, appunto Rivus Niger, ipotetico nome latino di Rionero (in Vulture).

Annunci

Responses

  1. Bella iniziativa questa del blog. Spero che contribuisca a far conoscere la nostra cultura, le nostre tradizioni…
    In bocca al lupo!!

  2. Beh, Ferdinando, questo è (vuole essere) soprattutto un blog letterario. Poi, certo, ci può stare anche la bella cartolina di un luogo, di un paesaggio, di una comunità. Il nostro, da Sud a Nord, è un paese straordinario, in tutti i sensi. Non siamo secondi a nessuno al mondo in quanto a storia, arte, cultura, ambiente, ma se andiamo in giro ci sanno dire meglio, forse, delle Maldive o di Zanzibar…
    Grazie, per essere passato di qua e per gli auguri,
    gennaro

  3. Appena entrato nel tuo blog ho cominciato a leggere e senza neanche accorgermene son arrivato a fondo pagina ….
    Interessante ciò che scrivi per argomenti e commenti …. complimenti
    Tornerò con più calma a spulciarlo per bene … se non ti dispiace ti aggiungo ai miei link …. in caso contrario fammi sapere …

    Ciao
    Miky

  4. Grazie, Miky. Un bel complimento, il tuo. Anche impegnativo. E mi sprona a prestare la dovuta attenzione a questa esperienza in rete che vedevo quasi come un azzardo. Ma qui sta succedendo l’incredibile: in tre sole settimane, oggi per la seconda volta mi ritrovo in testa alla speciale classifica dei blog in crescita… E si fanno incontri davvero interessanti: parola di un vecchio lupo di montagna a un pesce che si dice fuor d’acqua, ma magari ne è appena uscito (ed è già pronto a rituffarsi).
    Felicissimo e lusingato per il link. Appena possibile ricambierò la visita. A presto,
    gennaro

  5. Il problema è proprio quello … il dover uscire dall’acqua … e scontrarsi con con quello che c’è fuori dal blu.
    Devo dirti che pure io sono rimasto stranito dalla quantità di visite nel blog pur essendo un blog monotematico che parla solo ed esclusivamente di mare …

    a presto Gennaro
    Miky

  6. Un testo maturo, saldo, decisamente importante, caro Gennaro.
    Enrico

  7. Ciao Gennaro,
    un testo musicale che racchiude un mondo, un passato, voci lontane ma ancora vive. Un saluto da Daniela.

  8. A Miky a Enrico a Daniela un caro saluto e un grazie per essere qui.
    Un grazie anche ai tanti che passano e non lasciano traccia (ma alcuni mi esprimono in privato il loro apprezzamento e incoraggiamento).
    Con tutti devo scusarmi per non essere molto presente. Ma è che sono stato letteralmente annientato dal tipico raffreddore di cambio stagione che, per me fumatore, diventa sempre più difficile da gestire (bronchite cronica, tosse, sinusite,febbre). Vi prego di non giudicarmi male se non sono tempestivo nelle vostre sollecitazioni. Verranno tempi migliori (si spera).
    gennaro

  9. E allora in bocca al lupo … per l’influenza

    Ciao
    Miky


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie